Fotografia

Pescatori senza licenza

Anche io, da piccolo, qualche volta ho osato pescare (con molta meno abilità) in violazione delle norme sancite. Poi col tempo si inizia a capire e certi errori non si commettono più e, lo spazio occupato dal timore dei controlli e dell’esser preso “in castagna”, lascia il posto a quel piacere che ti offre lo stare immerso in un ambiente completamente incontaminato e a contatto diretto con la natura e la vita che, in simbiosi con essa, occupa quegli spazi.

Questi sono alcuni scatti fatti, in più occasioni, sempre alla Diaccia Botrona.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi